Disturbo Bipolare

Disturbo Bipolare

Il disturbo bipolare rientra nei disturbi dell’umore e si caratterizza per gravi alterazioni delle emozioni, dei pensieri e dei comportamenti. Chi ne soffre può essere al settimo cielo in un momento e alla disperazione in un altro senza alcuna ragione apparente, passando dal paradiso della fase maniacale o ipomaniacale all’inferno della fase depressiva anche molto frequentemente.

Il disturbo bipolare, secondo il DSM 5, può essere distinto in:
Il disturbo bipolare di tipo 1

Per fare diagnosi di Disturbo Bipolare di tipo 1 è necessario e sufficiente che vi sia un episodio maniacale nell’anamnesi purchè tale episodio non sia meglio spiegato da schizofrenia e relativo spettro. L’età media di esordio è di 18 anni.

Il disturbo bipolare di tipo 2

Per la diagnosi di Disturbo Bipolare di tipo 2 è necessaria la presenza di almeno un episodio ipomaniacale ed uno depressivo maggiore.

Il disturbo bipolare ciclotimico

Per la diagnosi di Disturbo Ciclotimico è necessario per almeno due anni avere numerosi periodi con sintomi ipomaniacali che non soddisfano i criteri per l’episodio maniacale e numerosi periodi con sintomi depressivi che non soddisfano i criteri per l’episodio depressivo maggiore. Tali sintomi non scompaiono per più di due mesi ogni volta.

Le differenze tra i tipi risiedono sostanzialmente, nell’intensità dei sintomi maniacali e in parte, dei sintomi depressivi.

Cause del disturbo bipolare

Molto spesso, i soggetti che soffrono di bipolarismo hanno avuto episodi simili in famiglia. I geni, però, non rappresentano l’unica causa.  In particolare, sono emersi livelli molto alti di cortisolo, quello che viene chiamato ormone dello stress. Nella vita di ciascun soggetto, predisposto o non, possono presentarsi delle situazioni a rischio che potrebbero favorire l’insorgenza del disturbo. Tra queste spiccano:

  • stress
  • abuso di sostanze
  • assunzione di farmaci (es. antidepressivi)
  • cambiamenti stagionali
  • mancanza di sonno
Come si presentano i sintomi del Disturbo bipolare
  • disinibizione eccessiva;
  • comportamenti socialmente inappropriati;
  • euforia accompagnata dalla sensazione di avere enormi potenzialità personali che può aggravarsi fino a divenire delirio di onnipotenza (per es. tutto appare possibile e fattibile, tanto che spesso si commettono azioni impulsive anche pericolose per sè stessi o per gli altri oppure si intraprendono azioni avventate);
  • non si riesce a portare a termine alcun progetto;
  • si ha una grande energia, tanto da non sentire il bisogno di mangiare né dormire;
  • il comportamento diventa disorganizzato e inconcludente, con azioni senza alcuna direzione apparente (per es. non si fa in tempo ad iniziare un’attività, che la si lascia a metà per passare ad altro o si fanno più cose contemporaneamente senza completarne alcuna);
  • i pensieri vanno così veloci che è difficile star loro dietro, così come le parole;
  • i sensi sembrano affinarsi e la percezione diventa più vivida;
  • il desiderio sessuale può aumentare, diventando quasi impellente, con comportamenti impulsivi.
  • umore molto basso, con la sensazione che nulla interessi né possa dare piacere. Si perde il significato della vita, che appare profondamente dolorosa.
  • sonno e l’appetito possono aumentare o diminuire.
  • ci si sente senza energie e facilmente affaticati, con una grande difficoltà nel concentrarsi.

Le persone vicine a chi soffre di maniacalità stentano a riconoscere il soggetto: prima timido e riservato, ora non smette un attimo di parlare ed è sorprendentemente disinibito.

Chiedi un appuntamento

 

 

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vai alla barra degli strumenti